🇮🇹 MICOL & LUCIA

Verona, Gennaio 2022

Accendere

Sono nella stanza Zoom 752 5781 4100, Micol siede con la nonna Lucia al tavolo del soggiorno a Verona, nel nord-est Italia. Lucia senza maschera, Micol con la maschera. La stanza dove si trovano è buia, solo una luce illumina i volti delle due donne. Sono seduta all’aeroporto di Lisbona, che è molto affollato perché tutti stanno venendo a visitare la  famiglia o tornando dalle vacanze. 

Primo tentativo di chiamata: internet non funziona e le mie cuffie non schermano abbastanza il rumore della hall dell’aeroporto. Nuovo tentativo, nuove cuffie e nuova connessione Internet: finalmente tutti e tre possiamo sentirci e vederci. Ancora una volta il COVID ha cambiato tutti i nostri piani per questo Natale e Capodanno 2021/2022. In questo periodo quasi nessuno è riuscito a non essere  infettato dal virus, o ad evitare di essere  a contatto con persone infette. Una storia di Instagram su due mostra una persona che annuncia la propria quarantena mostrando  un bicchiere di vino, una vasca da bagno piena o del cibo delizioso. Qualche settimana prima, anche il mio progetto di andare a Verona era andato a monte, a causa della nota variante omicron e dei suoi effetti. Ecco perché non sono seduta con Micol e Lucia nel loro salotto in Italia, ma nella hall di un aeroporto.

Micol e Lucia sono nate entrambe a Verona – Micol nel 1994, la nonna nel 1938 – hanno studiato all’estero per un po‘ e sono solite andare sulle Alpi del nord Italia, sulle Dolomiti, quando cade la neve, ma anche in estate. Lucia e Micol hanno scelto due paesi diversi per il loro soggiorno all’estero, quindi l’intervista è un miscuglio di francese, tedesco e italiano. Il mio software di trascrizione inventa ogni sorta di combinazione di parole mentre elabora la registrazione.

Ho conosciuto Micol a Bruxelles, dove lavora come consulente nel campo del mercato libero: cosa significhi esattamente e cosa ci sia dietro è un mistero per molti. Ha lunghi capelli castani, ma al colloquio del lunedì mattina – è ancora in vacanza – porta i capelli raccolti in uno chignon. I suoi occhi sono di un intenso colore marrone. Indossa un semplice maglione rosso.

Micol ha trascorso un anno di Erasmus durante la sua laurea triennale in Francia, più precisamente a Besançon, una piccola città francese in una regione industriale non lontana dagli stabilimenti Peugeot . In seguito ha conseguito un master a Parigi. Parla fluentemente il francese. Se avesse la cittadinanza francese, lavorerebbe immediatamente per il Quai d’Orsay, il Ministero degli Esteri francese. Non ha più molto a che fare con la politica nazionale italiana. Troppo poco trasparente, troppe procedure complesse e, soprattutto, pochi cambiamenti. Per il momento è bloccata a Bruxelles, che non è la città dei suoi sogni, ma dopo alcuni mesi in cui il COVID non impone le possibilità di muoversi, Micol si sta ambientando abbastanza bene. La pandemia COVID, tuttavia, rimane un momento significativo della sua vita. Improvvisamente tutto è cambiato: era il momento di trovare un lavoro. Non c’era più tempo per guardarsi intorno, era troppo rischioso in un momento di crisi del mercato del lavoro. Ha terminato il suo Master online – come tutti gli altri – e l’unica consolazione, in sostituzione della festa di laurea, è stata ricevere una tazza di Science-Po Paris qualche mese dopo. 

Racconta il suo arrivo a Bruxelles con tono amaro. Nel suo lavoro, dovrebbe solitamenteincontrare persone e parlare con loro faccia a faccia. Era una cosa che non vedeva l’ora di fare. Ma dopo diversi mesi, le riunioni si svolgono ancora in forma digitale. Tartine, vino e conversazioni con partner e clienti sono ancora molto lontani. Micol descrive il suo 27° anno come „pas génial“. Questo riassume bene il concetto: sa di  quanto sia stata fortunata a trovare questo lavoro, ma ancora rimpiange le occasioni perdute. Micol dice di aver ereditato un mondo a cui non era preparata. Pur riconoscendo i vantaggi che ha come giovane donna rispetto a sua nonna è molto disillusa riguardo al suo paese, ancora alle prese con le conseguenze della crisi del 2008.  Il COVID è stato l’evento con il più forte impatto sulla sua vita adulta, ma Micol ricorda anche, ad esempio, il cambio di moneta in Italia, che portò alcune conseguenze negative ma che in seguito ebbe effetti positivi per lei personalmente. L’UE ha plasmato la sua vita e le ha dato l’opportunità di vivere in due Paesi per un periodo prolungato. 

Ho conosciuto Lucia solo attraverso oom. Potrebbe essere molto alta e non essere diventata più piccola con l’età, ma non lo posso vedere con certezza. Una cosa è certa: Lucia ha i capelli bianchi e folti, tagliati corti. Gli occhi marroni e tondi sono nascosti dietro grandi occhiali rossi. Lucia è molto concentrata. Si è preparata per il colloquio in tedesco. Più volte durante l’intervista guarda i suoi appunti. Sono molto colpita! 

  

Immersione 

Lucia decise di venire in Germania negli anni ’60 e si recò a Tubinga per alcuni mesi per studiare. Da Verona, la parte dell’Alto Adige dove si parla il tedesco dista solo poche centinaia di chilometri. Anche la Svizzera, l’Austria e la Germania sono vicine.

Durante la sua infanzia, i nazisti erano proprio sulla soglia di casa sua. Lucia non ha molti ricordi del tempo di guerra. Ricorda di essersi trasferita dalla piccola città di Rovigo, dove lavorava il padre, ad un piccolo villagio perché i bombardamenti avevano reso la vita difficile. La sua famiglia trascorse gli ultimi sei mesi di guerra in una fattoria con altre 19 famiglie, a soli cinque chilometri dalla Linea Gotica. La Linea Gotica era la linea di demarcazione che andava da Massa-Carrara a Pesaro. Nel 1944, le truppe tedesche erano posizionate a nord della linea e gli alleati americani e britannici a sud. I combattimenti più feroci si svolsero lungo quel confine nell’estate e nell’autunno del 1944. Quando la guerra finì, Lucia aveva solo sette anni. Ma ha avuto incubi sulla guerra fino a 30 anni, ricorda Micol riferendosi ai racconti della nonna. Lucia smentisce con un gesto della mano.

A questo punto ripeto: „Se ci sono domande a cui non volete rispondere perché potrebbero crearvi disagio, non è un problema“. Al che Lucia risponde in tedesco con „Sono ancora viva, quindi posso parlarne!“. 

20 anni dopo, a 27 anni, è un „buon momento“ per lei. Le conseguenze della guerra si erano attenuate , c’era lavoro e si riusciva a mangiare bene, dice Lucia. In quell’anno ha la sua prima figlia, la madre di Micol, e insegna tedesco in una scuola, dalla quale si assenta per quattro mesi in congedo di maternità. Dopo un po‘, per l’ormai 84enne diventa faticoso esprimere tutto in tedesco. A volte si rivolge a Micol e le due donne scambiano qualche parola in italiano, che Micol poi traduce per me in francese o in inglese. Lucia parla ancora del suo viaggio in Germania in tedesco, prima di fare una breve pausa dalla conversazione. 

Negli anni Sessanta, per una donna sola viaggiare all’estero aveva un significato completamente diverso, soprattutto in confronto al periodo in cui la nipote Micol si trasferì a Parigi. Lucia aveva già studiato tedesco all’università per quattro anni prima che il padre le permettesse di andare all’estero in Germania. È stata fortunata che i suoi genitori l’abbiano lasciata andare. Hanno acconsentito grazie al fatto che l’ordine delle sorelle di Verona, che suo padre conosceva, l’avesse messa in contatto con la Germania. Così trovarono un posto disponibile nello studentato a Tubinga per l’estate. I genitori di Lucia la accompagnarono in Svevia. „Per i miei genitori era importante vedere esattamente dove stavo andando“, ricorda Lucia. Quando è arrivata a Tubinga a luglio, gli studenti erano ancora a casa per le vacanze; così ha trascorso due settimane in una casa di riposo finché non si liberò la sua stanza. Alla casa di riposo, Lucia si era un poco persa d’animo: tutte le signore anziane parlavano uno strano tedesco che lei non riusciva a capire. Lucia ha cominciato a sentirsi a casa una volta arrivata nello studentato, ha fatto amicizia con donne che venivano da Halle e hanno praticato il tedesco con lei con molta pazienza. L’anno successivo Lucia si reca nuovamente in Germania. In realtà, avrebbe voluto rimanere in Germania. „Nella mia testa sono tedesca“, dice a me e a sua nipote. Ma aveva conosciuto il suo futuro marito in Italia tra un soggiorno e l’altro in Germania ed era tornata per sposarlo.  

Lucia rimase a lungo legata alla Germania. Ha fatto da guida durante viaggi di gruppo tra Monaco e Verona, ha fatto da interprete e ha accolto molti studenti e insegnanti a Verona. Negli ultimi anni della sua vita lavorativa, ha notato che gli alunni erano sempre più interessati alla lingua e alla cultura tedesca, e agli scambi culturali nel loro complesso. Non sa se questo tipo di collaborazioni e scambi continui ancora, senza di lei. Lucia avrebbe voluto vivere al tempo di Micol per poter fare la sua „esperienza Erasmus“.

„Dopo tutto, Lucia ha potuto trascorrere un periodo all’estero“, rifletto.  „Qual è la differenza tra la tua esperienza e quella di Micol?“, chiedo ora ad alta voce. „Che un soggiorno all’estero è ormai normale e più facile da realizzare“, mi risponde Micol. Oggi è praticamente diventato obbligatorio studiare all’estero. Ci si aspetta che i giovani lo facciano.

Tuttavia, ricordo una discussione avuta con Micol qualche settimana prima, in cui entrambe ci lamentavamo delle difficoltà incontrate nel preparare e svolgere il nostro anno Erasmus. Non sapere se le università avrebbero riconosciuto tutti i risultati ottenuti, la borsa di studio che bastava a malapena per vivere, il caos quando Micol in Francia non sapeva in che giorno iniziasse l’università. E soprattutto inseguire professori e personale universitario per ottenere tutte le firme necessarie. Ma anche se la sua esperienza Erasmus le ha creato molto stress e ha avuto la dubbia fortuna di scrivere un esame in „Droit d’affaires International“ in francese senza un dizionario, a lei piace parlare di quel periodo. In quel momento, il nonno passa dietro la telecamera, ci guarda con un’occhiata veloce, ma continua.

Continuiamo la nostra conversazione. Come guardano al futuro Lucia e Micol? Per Lucia, nonostante la sua vita già lunga, non rimugina molto sul passato. Si preoccupa principalmente per la crisi climatica. Lucia afferma che la consapevolezza della gravità della situazione è arrivata solo recentemente, benché essa sia nota da decenni. Alla fine chiedo a entrambe se pensano che le donne abbiano più potere oggi. Lucia dice: „Mi piacerebbe vedere il momento in cui anche le donne avranno posizioni di potere. Ai miei tempi non c’erano donne al potere e io sto ancora aspettando“. In Italia, ad esempio, ci sono 25 persone ai vertici del governo, ma solo otto di loro sono donne. Micol continua a parlare per entrambe, affinché la nonna possa riposare. Lucia e Micol sono entrambe piuttosto pessimiste e dubitano che le donne possano mai raggiungere posizioni di potere con la stessa facilità degli uomini.

Una seconda volta il nonno passa davanti alla telecamera, questa volta si ferma brevemente e si dirige verso di me con uno sguardo interessato. Vuole salutare. Micol e i suoi nonni scambiano brevemente alcune frasi in italiano, ridono un po‘ e poi entrambe le donne si voltano verso la telecamera.  

Alla fine dell’intervista, dopo un po‘ di silenzio, Lucia ricorda una storia che vuole condividere. Quando vivevano nella casa padronale durante la guerra, sua madre trovò nella dispensa due soldati tedeschi che avevano disertato. La madre di Lucia aspettò un po‘ di tempo prima di andare a prendere il pane. Ma non appena trovò il coraggio di entrare nella dispensa per prendere il cibo per i bambini, i soldati tedeschi si alzarono immediatamente. La madre parlò un po‘ in tedesco con i soldati e offrì loro anche un po‘ di cibo. Dopo poco tempo, i due soldati dovettero ripartire. Lucia racconta, un po‘ sorpresa, che i soldati avevano visto le biciclette mal nascoste della famiglia, ma non le avevano comunque prese. Ripensandoci, Lucia è molto grata: „È stata una fortuna che mia madre conoscesse il tedesco. Noi bambini non ne abbiamo mai avuto paura“. Non si sa se i soldati abbiano mai raggiunto la Germania. 

Dopo circa un’ora di discussione digitale, Micol guarda l’orologio. È ora di pranzo, la tavola è già pronta. Con un clic, l’intervista è finita. Ho bisogno di qualche minuto per riabituarmi al rumore della hall dell’aeroporto e per riordinare i miei pensieri. Nella mia testa c’è ancora la piccola città di Verona, non lontana dalle Alpi…

de_DEDE